Artist Fez Moreno // Interview

Federico (Fez) Moreno, is a self-taught illustrator and graphic designer based in Austin, TX. Originally from South Florida, he went to film school at UCF in Orlando and moved to Texas in 2012, where he eventually ended up doing show posters. He has done artwork for music festivals such as Levitation and Liverpool Psych Fest, and was the in-house poster designer of a short-lived psychedelic venue in Austin called the Electric Church for 3 years, where his work came to be recognized. He is also a musician and light show artist, and has made a few films and music videos over the years.

Federico (Fez) Moreno, è un illustratore e graphic designer autodidatta di Austin, TX. Originario della Florida del sud, ha frequentato la scuola di cinema all’UCF di Orlando e si è trasferito in Texas nel 2012, dove realizza poster per eventi. Ha realizzato opere d’arte per festival musicali come Levitation e Liverpool Psych Fest, ed è stato per 3 anni il designer di un evento psichedelico di Austin chiamato Electric Church. Fa anche il musicista, l’ artista di spettacoli con le luci e, durante gli anni, ha realizzato alcuni film e video musicali.

Fez Moreno

What do you consider to be your first real exposure to music and art? 

Qual’è stato il tuo primo approccio all’arte?


My aunt exposed me to the art world when I was just a kid. She would let me hang out in her art studio and let me play with her watercolors. She introduced me to Picasso, Miro, Kandinsky, Matisse, Dali, and others which had a profound influence on me. I would draw a lot as a kid when I was bored at home and even in class instead of taking notes. I liked to draw cars, fighter jets, old bombers, naval ships, trains, etc. and I would study all the features on them and try to draw them as close to the real thing as I could. I guess you could say I had abstract and surreal influences but always drawn to the classical forms.

My parents bought me a book on drawing techniques and stuff of the like but I couldn’t give less of a crap about the proper way to do it, it seemed so boring to me. I never enrolled in any art lessons, and my art teachers at school were impressed by my drawings but upset that I couldn’t follow directions and would give me low grades. I am completely self-taught, you could say. I gave up drawing almost entirely from about the ages of 12 to 18 because all I wanted to do was skateboard and play video games and listen to music. Punk rock is what got me into music.

When I was 18 I did mushrooms for the first time, and suddenly started drawing again – mostly on notebooks at school during class, but this time around the drawings were composed of abstract lines and surreal imagery and flying words. I blame it on the psychedelics. When I was in college I came across the work of 60’s poster artists and I became fascinated with their art.

Psychedelics were a big part of my creative development in my early 20’s, and I filled many notebooks and sketch pads with wild imagery that seemed to effortlessly come out of me in those times.

I studied film in college so I suppose that was my only formal education in the visual arts. I really wanted to make movies but gave up that dream when I realized how cinema was being overtaken by ridiculous commercial forces and just seemed like a toxic game to get into. I definitely romanticized the era when movies were shot on film, and I have such a big love for old movies, especially Italian cinema – Antonioni, Fellini, Pasolini, and Rossellini are some of the best filmmakers ever in my opinion.

I moved to Austin in 2012 and after realizing movies were just not for me, I started hanging out with musicians. Eventually I messed around trying to make flyers for their shows and over the years I gained an affinity for graphic art and decided to start pursuing it as my main focus. I’ve been making posters for about 7 years now and have made hundreds of posters at this point.


È stata mia zia a portarmi nel mondo dell’arte quando ero solo un ragazzino. Mi lasciava entrare nel suo studio per giocare con i suoi acquerelli. Mi ha fatto conoscere Picasso, Mirò, Kandinsky, Matisse, Dalì e altri artisti che hanno avuto una profonda influenza su di me. Disegnavo molto da bambino, quando mi annoiavo a casa e anche in classe, invece di prendere appunti. Mi piaceva disegnare automobili, aerei da combattimento, vecchi bombardieri, navi militari, treni, ecc; ne studiavo tutte le caratteristiche e cercavo di disegnarli il più vicino possibile alla realtà. Si può dire che ho avuto influenze astratte e surreali, ma sono sempre stato attratto dalle forme classiche.

I miei genitori mi comprarono un libro sulle tecniche di disegno e cose del genere, ma non mi fregava niente del modo corretto di farlo, perchè lo trovavo noioso. Non mi sono mai iscritto a nessuna lezione d’arte e i miei insegnanti d’arte a scuola sono rimasti colpiti dai miei disegni, ma sono rimasti sconvolti dal fatto che non riuscissi a seguire le indicazioni e mi dessero voti bassi. Sono praticamente autodidatta, direi.

Ho smesso di disegnare quasi completamente dai 12 ai 18 anni, perché tutto ciò che volevo fare era andare sullo skateboard, giocare ai videogiochi e ascoltare musica. Proprio il punk rock mi ha fatto appassionare alla musica. Quando avevo 18 anni ho mangiato i funghetti per la prima volta e, all’improvviso, ho ricominciato a disegnare, soprattutto sui quaderni a scuola durante le lezioni, ma questa volta i disegni erano composti da linee astratte, immagini surreali e parole volanti. Tutta colpa degli psichedelici. Quando ero al college mi sono imbattuto nei poster di artist anni ’60 e ne sono rimasto affascinato. Gli psichedelici sono stati una parte importante del mio sviluppo creativo nei miei primi anni ’20, e ho riempito molti quaderni e blocchi per schizzi con immagini selvagge che sembravano uscire da me senza sforzo. Ho studiato cinema al college, quindi suppongo che sia stata la mia unica educazione formale nelle arti visive.

Volevo davvero fare film, ma ho rinunciato a quel sogno quando mi sono reso conto che il cinema era stato contagiato da ridicole forze commerciali e sembrava solo un gioco tossico in cui entrare.

Ho decisamente romanzato l’era in cui i film venivano girati su pellicola, e ho un grande amore per i vecchi film, specialmente il cinema italiano – Antonioni, Fellini, Pasolini e Rossellini sono alcuni dei migliori registi di sempre per quanto mi riguarda. Mi sono trasferito ad Austin nel 2012 e, dopo aver realizzato che i film non facevano per me, ho iniziato a frequentare i musicisti. Alla fine ho pasticciato cercando di realizzare volantini per i loro spettacoli e nel corso degli anni ho acquisito un’affinità per l’arte grafica e ho deciso di iniziare a perseguirla come mio obiettivo principale. Faccio poster da circa 7 anni e finora ne ho realizzati a centinaia.


What’s the typical creation process like?


Qual’è il tuo processo creativo tipo?


I usually get hit up by clients on a regular basis. They tell me what they are looking for, sometimes it’s vague and sometimes they have a lot of direction and examples to give, sometimes they leave it entirely up to me. I usually start by feeling it out – usually if it’s a musician or band I listen to their music first, write down any ideas or start drawing little sketches. Then I decide what approach I want to take. Sometimes I decide to do it digitally but most times I bust out my sketch book and a pencil. When I finish drawing a poster, I trace it with a pen and scan it, then I bring it into photoshop/illustrator and do the rest there.

I make myself a big cup of tea (I don’t drink coffee, caffeine makes me anxious) and most times I’ll get a bit stoned, put on some music and just start drawing. Music is such a big part of my creative process, I feel like I can’t work when there is no music.

I listen to so many kinds of music – aside from 60’s rock n roll I am a huge lover of krautrock, kosmische, berlin school, ambient, dub, old country (some new stuff too), funk, prog, blues, jazz, acid folk, reggae, hip hop, trip hop, stoner rock, shoegaze, early African disco, experimental/avant-garde, long form instrumental stuff, early electronic music, post-punk, obscure 80’s stuff, doo wop, you name it. I’m really a music freak, and I make music too under different projects that I’ve had over the years.

I spend most of my weekdays locked in my room working on posters, and if I don’t get out of the house every once in a while, I notice my creativity and focus decreases. I also start losing my mind. Going out in nature for a dip in the river for a few hours really recharges me. It is interesting that sometimes I have all these ideas and not enough time to work on them, and sometimes I’m completely devoid of any creativity. Like my mind is just blank and I wonder how I have ever made or come up with any of the things I’ve created. Sometimes I look at a lot of my older work and feel like I’m looking at someone else’s work, even though I totally remember making it.

The main thing to keep in mind is to never run out of what a book I read called “gumption” – the inner drive and desire to do something with joy – when that runs out it means it is time to stop and take a break.

Maybe go on a bike ride or a long walk or go see some live music. Otherwise you will burn yourself out and start hating the thing you love to do most. I’ve seen it happen, and it really is a sad thing. That is the fine line you surf when you turn your joy into a job. I feel like I’ve been able to balance it well but sometimes I feel that I should be taking more time to enjoy my life and go on more camping trips and stuff of the sort. Nature is my main source of inspiration and my main sanctuary. I don’t think I could ever live in a big city where you have to drive at least an hour to get out into nature.


Di solito sono i clienti a contattarmi per primi. Mi dicono cosa stanno cercando a volte in modo vago, a volte con molte indicazioni ed esempi, a volte mi lasciano fare. Di solito, se si tratta di un musicista o di una band, come prima cosa ascolto la loro musica, scrivo idee o inizio a disegnare piccoli schizzi. Decido poi quale approccio adottare: alcuni parto in digitale, ma la maggior parte delle volte tiro fuori il mio album da disegno e una matita. Quando finisco di disegnare un poster, lo ricalco con una penna e lo scannerizzo, poi lo porto in photoshop/illustrator e faccio il resto lì.

Mi preparo una bella tazza di tè (non bevo caffè, la caffeina mi rende ansioso) e mi sballo un po’, metto su un po’ di musica e inizio a disegnare. La musica è una parte fondamentale del mio processo creativo, mi sento come se non potessi lavorare quando non c’è musica.

Ascolto tanti tipi di musica – a parte il rock ‘n’ roll degli anni ’60 sono un grande amante di krautrock, kosmische, berlin school, ambient, dub, old country (anche roba nuova), funk, prog, blues, jazz, acid folk, reggae, hip hop, trip hop, stoner rock, shoegaze, early African disco, experimental/avant-garde, long form instrumental stuff, early electronic music, post-punk, roba oscura degli anni 80, doo wop e chi più ne ha più ne metta. Sono davvero un fanatico della musica e produco anche musica nell’ambito di diversi progetti.

Trascorro la maggior parte dei giorni feriali chiuso nella mia stanza a lavorare sui poster, e se non esco di casa ogni tanto, noto che la mia creatività e la mia concentrazione diminuiscono. Comincio anche ad andare fuori di matto. Starsene nella natura, fare un tuffo nel fiume, giusto per qualche ora, mi ricarica davvero molto. È incredibile come, a volte, io abbia tante idee senza abbastanza tempo per lavorarci, mentre, altre volte, sono completamente privo di creatività; come se la mia mente fosse vuota, e mi chiedo come io abbia mai fatto o inventato una delle qualsiasi delle cose che ho creato. A volte guardo i miei lavori più vecchi e mi sembra di essere di fronte al lavoro di qualcun altro, anche se ricordo perfettamente di averlo fatto.

La cosa principale da tenere a mente è non rimanere mai a corto di quello che un libro che ho letto chiama “gusto” – la spinta interiore e il desiderio di fare qualcosa con gioia – quando finisce significa che è ora di fermarsi e fare una pausa. Vai a farti un un giro in bicicletta o una lunga passeggiata o vai a vedere un po’ di musica dal vivo. Altrimenti ti esaurirai e inizierai a odiare la cosa che ami fare di più. L’ho visto accadere, ed è davvero triste. Questa è la linea sottile su cui navighi quando trasformi la tua passione in un lavoro.

Sento di essere stato in grado di bilanciarlo bene, ma a volte dovrei prendermi più tempo per godermi la vita e fare più viaggi in campeggio e cose del genere. La natura è la mia principale fonte di ispirazione e il mio principale santuario. Non credo che potrei mai vivere in una grande città dove devi guidare almeno un’ora per stare nella natura.


What are some posters you’re most proud of? 

Quali sono i poster di cui vai più fiero?


I’m not actually proud of any specific posters I’ve done, they’re all just different to me. Maybe I do feel proud of myself for having pulled through with committing to sticking to making posters, even though I had zero experience or knowledge about it.

When you are surrounded by a creative community and very talented artists, it is very intimidating to try to put yourself out there shamelessly.

But I did it because I had nothing to lose and also because I wasn’t impressed with a lot of the posters/aesthetics being made around town, even by people who are supposedly a big deal. So the fact that at some point people were constantly coming up to me telling me how much they liked what I did was pretty surprising to me. Because I was just shooting in the dark. I didn’t think they were that great, but in 2017 my friend Michelle told me I should make an instagram for my posters, and within months people started hitting me up to do stuff for them with money in their hand.

When I realized my work actually had some sort of value things really changed for me. I was able to eventually quit my shit jobs and make this into my main source of income. Now I get clients from all over. I never thought I’d end up doing this, at first I thought nothing of it, just something fun to try out and a few extra bucks here and there.

I really just wanted to bring more of the psychedelic vibes to Austin because I felt like it was lacking, and Austin is one of the birthplaces of psychedelia.

So looking back I am very proud that I was able to get to the point where I am now, getting my work out and getting people excited about it, to the point that I have worked with music festivals and big clients, but mostly venues and artists around town who like my work. I’m happy to bring it to them and I like seeing them posted around town.

However, I’m not even sure if poster art is what I mainly want to focus on in the long run, I think design in general is of high interest to me. It’s like art but with a purpose/functionality. Which makes it interesting to me. There are still a lot of ideas in my head and so much experimenting I want to do, especially with print-making. One of the pieces I’m most proud of is a 4-color screenprint I made at home during the pandemic. It is not a show poster however, and most of the copies came out messed up in one way or another.

I’m really interested in printing on shiny or colored paper, overlaying colors, trying out new techniques or aesthetics, collaborating with other artists such as painters, and trying to dive into art prints over event posters. But I’m doing that very gradually and at my own pace. For now, event posters, album covers, and shirt designs are my main focus.



In realtà non sono orgoglioso di nessun poster specifico che ho realizzato, sono solo diversi da me. Forse mi sento orgoglioso di me stesso per essere riuscito a impegnarmi nella realizzazione di poster, anche se non ne avevo esperienza o conoscenza. Quando sei circondato da una comunità creativa e artisti di grande talento, è molto intimidatorio cercare di essere coinvolti senza vergogna. Ma l’ho fatto perché non avevo nulla da perdere e anche perché non mi hanno colpito molti poster/estetici realizzati in città, anche da persone che dovrebbero essere bravi. Quindi il fatto che a un certo punto le persone venissero costantemente da me e mi dicessero quanto gli piaceva quello che stavo facendo è stato abbastanza sorprendente per me. Perché stavo solo sparando al buio. Non pensavo fossero così fantastici, ma nel 2017 la mia amica Michelle mi ha detto che avrei dovuto creare un instagram per i miei poster, e nel giro di pochi mesi la gente ha iniziato a chiedermi di fare cose per loro con i soldi in mano.

Quando ho capito che il mio lavoro aveva un valore, le cose per me sono davvero cambiate. Alla fine sono riuscito a lasciare i miei lavori di merda e a farne la mia principale fonte di reddito. Ora ricevo clienti da ogni parte. Non ho mai pensato che avrei finito per farlo, non ci ho pensato all’inizio, solo qualcosa di divertente da provare e qualche soldo extra qua e là.

Volevo solo portare più vibrazioni psichedeliche ad Austin perché sentivo che mancavano, e Austin è uno dei luoghi di nascita della psichedelia. Quindi guardando indietro, sono molto orgoglioso di essere stato in grado di arrivare dove sono ora, ottenere il mio lavoro e far entusiasmare le persone, al punto che ho lavorato con festival musicali e grandi clienti, ma soprattutto luoghi e artisti in giro per la città a cui piace il mio lavoro. Sono felice di farlo e mi piace vederli affissi in giro per la città.

Tuttavia, non sono nemmeno sicuro che la poster art sia ciò su cui voglio principalmente concentrarmi a lungo termine, penso che il design in generale sia di grande interesse per me. È come l’arte ma con uno scopo/funzionalità. Il che lo rende interessante per me. Ci sono ancora tante idee in testa e tanti esperimenti che voglio fare, soprattutto con la stampa. Uno dei pezzi di cui vado più orgoglioso è una serigrafia a 4 colori che ho realizzato in casa durante la pandemia. Tuttavia, non è un poster di uno spettacolo e la maggior parte delle copie è stata incasinata in un modo o nell’altro.

Mi interessa molto stampare su carta lucida o colorata, sovrapporre i colori, provare nuove tecniche o estetiche, collaborare con altri artisti come pittori e cercare di immergermi nelle stampe d’arte sui manifesti di eventi. Ma lo sto facendo molto gradualmente e al mio ritmo. Per ora, poster di eventi, copertine di album e design di t-shirt sono il mio obiettivo principale.


You’re an artist, illustrator and designer, which came first?

Sei un artista, un illustratore e designer, chi viene per primo?


I guess I’ve been an artist since kindergarten. I liked to draw a lot as a kid, then as a teen I liked to film my friends skate and make funny videos, then I got heavily into photography and cinematography during college, then in Austin I started doing light shows/visuals for bands (which I still do sometimes), then got really into making music, then started getting into illustration, and then design just came naturally as I tried to figure out how to make posters and I studied the work of the old poster artists.

To be honest, creativity has always mostly been a method of coping with reality for me. I find reality so drab and bleak sometimes, and I suppose I’ve felt that way since I was young. If you don’t bring imagination into your life it can really kill you inside I think.

I spent my early days mostly locked in my room drawing like I do now instead of playing with the neighbors outside. Every once in a while I would poke my head out like I do now. When I was skateboarding in my teen years I didn’t think about drawing at all. I just wanted to be out with my friends all day like nothing else mattered. I didn’t like school and the idea of a career seemed so pointless to me. I just knew I wanted to study something that would allow me to be creative. Going to film school was probably one of the best times of my life. I shot a few films on 8mm and 16mm and would run into issues because I was using very old cameras with faulty power issues and broken magazines or sprockets. It was very fun though and allowed me to exercise my imagination and creativity alongside my peers, who were all very cool people.

However, high end digital cameras replaced film the year I left college, and that really bummed me out, because to me it took out most of the fun/challenging aspects of the experience of shooting a film. I shot a digital feature in 2014 with some friends but the girl who directed it had no idea what she was doing and made it very complicated to make a coherent film. We did finish it however, and I did most of the work.

I was ridiculously broke after that for a while. I had some jobs editing and shooting web series and working on shitty movies and it was all kinda cool but just not for me. There was always something there to catch me in those times when I wanted to give up on art.

Light shows were a big thing for me after I gave up on film, I would do old school all-analog multi-projector visuals with liquids, slides, 16mm films, transparent color wheels on variable speed motors, prisms, handmade contraptions, etc… I know a lot about light and its properties and how to bend it, distort it, and layer it to create specific moods and do all kinds of cool stuff with it to go along with the music. However it is a lot of work, and you are the first one in & last one out at events, and sometimes you have to pack more than one car with gear and it really does wear you out over time.

That’s why I ended up sticking to illustration and design, because I can sit in my peaceful room and work for hours on end. It’s like I’m always on lockdown. That’s why when the pandemic hit I didn’t feel so trapped being at home all the time.


Credo di esssere stato un artista sin dall’asilo. Da piccolo mi piaceva molto disegnare, da adolescente mi divertivo a filmare i miei amici mentre facevamo skate e a fare video divertenti, poi, durante il college, mi sono appassionato alla fotografia e alla cinematografia. Ad Austin ho iniziato a fare spettacoli di luci e visual per band (cosa che faccio ancora a volte), alla musica, all’illustrazione. Infine, il design è arrivato naturalmente mentre cercavo di capire come fare poster, studiando il lavoro di artisti del passato.

Se devo essere sincero, per me la creatività è sempre stata un metodo per affrontare la realtà. A volte, trovo la realtà così squallida, e credo di percepirlo da sempre. Se non porti l’immaginazione nella tua vita, rischi di sentirti morto dentro.

Ho la mia infanzia per lo più rinchiuso nella mia stanza a disegnare, come adesso, invece di giocare con i vicini fuori. Solo ogni tanto mettevo la testa fuori, proprio come faccio adesso. Quando facevo skateboard da teenager non pensavo affatto al disegno. Volevo solo stare fuori con i miei amici tutto il giorno come se nient’altro importasse. Non mi piaceva la scuola e l’idea di una carriera mi sembrava inutile. Sapevo solo che volevo studiare qualcosa che mi avrebbe permesso di essere creativo.

Andare alla scuola di cinema è stato probabilmente uno dei momenti migliori della mia vita. Ho girato alcuni film su 8 mm e 16 mm e mi sono imbattuto in tutti quei problemi che si riscontrano quando si utilizzano fotocamere molto vecchie con problemi di alimentazione difettosi e riviste o ruote dentate rotte. È stato, tutto sommato, molto divertente e mi ha permesso di esercitare l’immaginazione e la creatività, insieme ai miei coetanei, che erano tutte persone davvero fantastiche.

Le fotocamere digitali di fascia alta hanno sostituito la pellicola proprio l’anno in cui ho lasciato il college, e questo mi ha davvero deluso, perché per me ha eliminato la maggior parte degli aspetti divertenti/difficili dell’esperienza di girare un film.

Ho girato un lungometraggio digitale nel 2014 con alcuni amici, ma la ragazza che lo ha diretto non aveva idea di cosa stesse facendo e ha reso molto complicato realizzare un film coerente. Comunque l’abbiamo finito, e io ho fatto la maggior parte del lavoro. Dopo questa storia sono stato al verde per un po’. Ho avuto alcuni lavori di editing e di ripresa di serie web e di film di merda ed è stato tutto abbastanza bello, ma non per me. C’era sempre qualcosa che mi tratteneva in quei momenti in cui volevo rinunciare all’arte.

Gli spettacoli di luci sono stati una benedizione per me dopo aver rinunciato alla pellicola, facevo visual multiproiettore completamente analogico “vecchia scuola” con liquidi, diapositive, pellicole da 16 mm, ruote colorate trasparenti su motori a velocità variabile, prismi, aggeggi fatti a mano, ecc…Conosco molto sulla luce e le sue proprietà, so come piegarla, distorcerla e sovrapporla per creare stati d’animo specifici o fare tutti i tipi di cose interessanti con essa per accompagnare la musica. Tuttavia c’è un sacco di lavoro, e tu sei il primo a entrare e l’ultimo a uscire agli eventi, e a volte devi caricare più di un’auto con l’attrezzatura e ti logora davvero nel tempo.


Are you a morning person or a night person? 


Sei più un tipo mattiniero o notturno?



I used to totally be a night person – go to bed at 3 or later, wake up at noon (if I didn’t have to work the next morning), and most of my creativity would kick in after midnight. However, when I was making over 3 posters a week when I was the in-house poster designer of a venue that was basically running off of my creative output (I was also doing light shows there 3 times a week until 3 am) for over 3 years with no breaks, I realized I needed to get my life together and started trying to start my days earlier in order to not wear myself out.

But I didn’t really become a morning person until after the pandemic hit. When the lockdown happened, I got on unemployment checks so there was nothing to do, and would go to bed at 10 or 11. Started waking up at 8 am and I had my routine making myself breakfast and my big cup of tea, then I would tackle whatever it is I wanted to do – I focused mostly on music during the pandemic and made two albums, but also focused on getting my printmaking situation arranged. I did a few experiments with prints and made a few rounds of shirts and stuff, and when I had an idea I would work on it.

A lot of what I made during the pandemic has a very different quality than most of my poster work mostly because of the headspace I was in.

I can also sense a difference in my work post-pandemic to pre-pandemic. I kinda like my work more now but there are some things I made in the past that I wonder how I came up with. I suppose life was a bit different then, and with changes you have to adapt and make it work for you.

Waking up early is pretty damn nice. The harder you work the more time seems to fly, kinda when you’re having fun, so it’s nice to get a head start on the day so that when you get into the flow state you don’t have to snap out of it because it’s getting late.

You can get a lot done by 5pm and take a break, and maybe get back into it if you are up for it. I can’t really make anything after 9 now. Those are my resting hours where maybe I go get a drink or hang out with a friend, or just listen to music and hang out with my cat. I work at a venue on weekends so that’s kinda where I get the whole ‘getting out of the house’ thing out of me for the most part.

Nowadays I’m usually in bed by midnight most nights and up around 9 am. I pretty much work on my posters from around 10-6 each weekday, but it’s nice being your own boss because I can take days off when I need to. I also got an old motorcycle earlier this year and I’ve been working on it a lot in my free time. It’s different than what I’m used to doing but it has been such a fun project and learning experience for me. Riding it around back country roads has become one of my favorite things. I really am grateful to be living like this while I can.


Ero una persona notturna: andavo a letto alle 3 o più tardi, mi svegliavo a mezzogiorno (se non dovevo lavorare la mattina dopo) e la maggior parte della mia creatività prendeva il via dopo mezzanotte. Tuttavia, quando stavo realizzando più di 3 poster a settimana, nei tempi in cui ero il poster designer interno di un locale che stava praticamente esaurendo la mia produzione creativa (facevo anche spettacoli luminosi lì 3 volte a settimana fino alle 3 del mattino) per oltre 3 anni senza interruzioni, ho capito che avevo bisogno di rimettere insieme la mia vita e ho iniziato a cercare di iniziare le mie giornate prima per non stancarmi.

Ma non sono diventato davvero una persona mattiniera fino a dopo la pandemia. Quando è iniziato il lockdown, ho ricevuto l’assegno di disoccupazione, non c’era niente da fare e andavo a letto alle 10 o11. Ho iniziato a svegliarmi alle 8 del mattino e avevo la mia routine: mi preparavo la colazione e la mia grande tazza di tè, poi avrei potuto affrontare qualunque cosa volessi fare: mi sono concentrato principalmente sulla musica durante la pandemia, ho realizzato due album, ma mi sono anche dedicato all’organizzazione della mia zona di stampa. Ho fatto alcuni esperimenti con le stampe e fatto alcuni giri di magliette e cose del genere, e quando avevo un’idea ci lavoravo.

Molto di quello che ho realizzato durante la pandemia ha una qualità molto diversa rispetto alla maggior parte dei miei poster, tutto a causa dello spazio mentale in cui mi trovavo. Posso anche percepire una differenza nel mio lavoro post-pandemia e pre-pandemia. Ora il mio lavoro mi piace di più, ma ci sono alcune cose che ho fatto in passato che mi chiedo come sono arrivato. Suppongo che la vita fosse un po’ diversa allora, e con i cambiamenti devi adattarti e farla funzionare per te.

Svegliarsi presto è dannatamente bello. Più lavori sodo più il tempo sembra volare, un po’ quando ti stai divertendo, quindi è bello iniziare la giornata in vantaggio in modo che quando entri nello stato di flusso non devi riprenderti perché si sta facendo tardi. Puoi fare molto entro le 17:00 e fare una pausa, e magari ricominciare se sei pronto.

Non riesco a fare niente dopo le 9 ora. Quelle sono le mie ore di riposo in cui forse vado a bere qualcosa o esco con un amico, o semplicemente ascolto musica e esco con il mio gatto. Lavoro in un locale nei fine settimana, quindi è un po’ dove mi tolgo da me l’intera faccenda dell'”uscire di casa” per la maggior parte. Al giorno d’oggi di solito vado a letto a mezzanotte quasi tutte le sere e mi sveglio verso le 9 del mattino.

Lavoro praticamente sui miei poster dalle 10 alle 6 ogni giorno della settimana, ma è bello essere il capo di te stesso perché posso prendermi giorni di ferie quando ne ho bisogno. Ho anche preso una vecchia moto all’inizio di quest’anno e ci ho lavorato molto nel mio tempo libero. È diverso da quello a cui sono abituato, ma è stato un progetto divertente e un’esperienza di apprendimento per me. Andare in giro per le strade di campagna è diventata una delle mie attività preferite. Sono davvero grato di vivere così finché posso.

FEDERICO (FEZ) MORENO
IG:@fezmoreno

Loading……
Yeah!You're a dreamer now!