Magic of the Ukrainian Carpathians in Maria Khymynets’s Art

Maria Khymynets is a Ukrainian artist born on the Western side of the Carpathian Mountains in the town of Užhorod. She works with graphic art, painting, woodcarving and printmaking as well as digital art. The main topic in her art is Ukrainian and Carpathian-Ukrainian mysticism and magic, reflection on the Old Ways and Old Religion that are going through their rebirth.


Please, be a guide to us: tell us your vision of Carpathian-Ukrainian Mysticism and witchcraft...


Growing up in the Carpathian community one is surrounded by the syncretic believe system that is deeply rooted in ones everyday life; every holiday, every ritual and every tradition has ancient pre-Christian roots. Where the elements of Christianity are present, and at first sight dominant, they are practically playing a role of a thin layer on the older traditional pagan core, where the church couldn’t get rid of the folk traditions it just gave them Christianized names.

Even people, that consider themselves god-fearing Christians, will thoroughly follow every step of the ancient ancestral ritual on the days when the Dead walk the Earth. While it is nothing new or unique, as we can see it in every country and every tradition (just one look at the roots of Easter or Christmas makes it very obvious that it has very little to do with Jesus or the Abrahamic God), Ukrainian, and Carpathian-Ukrainian in particular, traditional elements, Gods and rituals remained mostly unknown to the western theologists, not even mentioning regular people who would be interested in such things.

English sources about Ukrainian religion and beliefs are extremely poor, often put in a pile of all-general slavic paganism, or polluted by the imperialistic narratives of russian “experts” who would belittle Ukrainian history, if not even deny it, or claim it as their own (which is ironic, since russians have from very little to nothing at all to do with slavic tribes, traditions or religions). There are a lot, and I mean A LOT, of works by prominent Ukrainian ethnographers, folklorists and historians about various topics on Ukrainian magic, traditions, demonology and mythology that have never been translated into English.

Now it is our duty as a young Ukrainian followers of our Folk Faith to shed a light on our practices and our deities.

To understand a Ukrainian witch or a Carpathian Molfar (Carpathian magician), it is important to know what do they tie their practices to religiously.  As it was mentioned before, contemporary Ukrainian believes are syncretic. Of course, it wouldn’t be possible to cover the whole structure of the Old Religion and traditions in one sitting, but let’s take a look at the main holidays of Ukraine without the veil of the new religion, Christianity.

As many countries during pre-Abrahamic times, Ukrainians were of polytheistic beliefs with elements of animism, nature worshipping and the ancestral cult, most of which remained active until today. Main holidays were based on the life circle of the Sun god, which is similar to the concept of the “Wheel of the Year” in Western New Age paganism.

“Why particularly Sun god, not the Moon goddess or the Thunder god?” one may ask, well, while the other gods were of no less importance, it was mainly the life circle of the Sun god that would help Ukrainians to create their harvest calendar. Ukrainian Sun god had many names, as he was changing them every year cycle from his birth, to his adolescence and adulthood, to his death. There are four main holidays in the calendar that are tied to the Sun:

  • Velykden’ of Dazhboh, spring equinox, was celebrated the whole week, this holiday symbolises the beginning of the year as the Sun god is young and strong enough to fight the winter off. As the nature comes back to life, so do the Dead, on Thursday of the Velykden’ week they would walk the earth, so it was important to stay that night at home for regular folk.
  • Kupailo, summer solstice, also known as the Green Holidays, is the celebration of fertility, which also was celebrated the whole week. One had to be careful walking in the fields, though, as the spirits of the dead would rise yet again and play in the fields.
  • The Final Harvest, also known as Svitovyd, was celebrated during the autumn equinox. During this time people pay the spirits of the fields and their ancestors for the protection of the wheat fields with sacrifices of honey, bread, milk, wheat and fruits. During the harvest Ukrainians would keep a sheaf of wheat and form it into Didukh – a vessel for the ancestors who would join their families in winter celebrations.
  • Kolyada, winter solstice, is the night when the young Sun is born again. One of the biggest celebrations of the year, where Ukrainians would invite all the spirits that might harm them or their harvest to join them for the feast, where they would make a peace pact for the upcoming year. Didukh sits at the head of the table, symbolising all the ancestors. He will be burned on the night of the spring equinox, releasing the spirits until the next year.

Tradition of witchcraft and magic in Ukraine was and is still strong, every holiday is accompanied by complex rituals, every person would follow them, but there are people, who would do more – Molfars (Carpathian magicians), witches, healers, Kharakternyks (Cossack warrior magicians) etc. While most of the people would stay home and celebrate with their families, magicians would be practicing their sacred craft. Of course, there are dozens of magical days in between, including Lunar days, knowledge of which is crucial for magical practices, but what is important about these four holidays, that were mentioned above, is that the border between our world and the world of the dead disappears.

On every mentioned Solar holiday the Dead would come to our world, and it is known, that people of knowledge (witches, molfars, kharakternyks etc.) become even more powerful, as they are believed to have two souls, one of which belongs to the world of the dead. Almost every Ukrainian town or village will have at least one witch, in Carpathian region, though, it is normal to know at least five witches that would live in the same tiny mountain village or around it.

Witch hunts weren’t popular on Ukrainian territory, persecution of magicians would be considered a dangerous thing, and one had to be a fool to go after one of the knowing people. Most villagers in the mountains are proud to have their molfars, Carpathian highlanders consider their molfars and witches important part of the community, who they fear but deeply respect. Most of the time molfars and witches would live outside the village, sometimes on other side of the mountain river or way higher up the mountain, but people would walk this distance to get their help or advise.

During russian-centrist soviet times, persecutions and terror a lot of traditions became muted for some time, some villages still had their molfars, but they were getting old and couldn’t find anyone young and worthy to give their powers to. Sadly, it was mainly only the Carpathian region that would keep the magical tradition more or less alive, as it was further away from the forever-genocidal russia, and it was the last piece of Ukrainian land that became occupied by the soviets. When in 1994 Ukraine became free from russian-centric ethnofascist soviet grip, when Ukrainians could finally speak their own language, find in archives all the information about their repressed and murdered loved ones, and resurrect their traditions and folklore, people started re-discovering the Old Ways and the Old Gods.

As a young artist, who grew up with those believes, who’s Carpathian grandmother and great-grandmother managed to preserve and practice the old craft, I feel responsible for translating all of it into art and texts that would tell our story, the story of magic, our traditional blossom, political persecutions and final resurrection, where the ancient craft would rise from the ashes yet again.

It’s not only the magical essence of our culture that is so inspiring to me, but also long line of pain and horrors that we all managed to resist for 400 years. Our family always talked about the horrors and pain that russia brought to us, it is third genocide in less than a century that has been brought upon us by this terrorist state and its genocidal people. Every last Ukrainian is a child of a family that miraculously survived Holodomor (Famine genocide) in 1932-1933, my great-grandfather was the only child of 10 that didn’t die of starvation. My grandparents were deported to the russian far east in 70s for supporting the democratic revolution of the Prague Spring (70s, not 20s or 30s, sometimes unimaginable not only for the western reader, but also for me), my mother grew up in extreme Siberian winters, where she almost died two times of lung infection with absolute absence of medical help for “people like them”.

Everything that is happening now didn’t come as a big surprise for any of us, honestly, it would be even surprising if one generation of Ukrainians wouldn’t be scarred by russian fascists. At least now it’s not only us who can see and confront this imperial monster, because now, that the Iron curtain is gone (not for russia, tho) the whole world can see what everyone has been ignoring and appeasing for so long. It is old, unpunished evil. It has never been punished for it’s genocidal bloody imperial past, not for it’s bloody soviet times, not for the stalinist genocides and tyranny, not for it’s open wars on Georgia, Ichkeria, Syria, Ukraine…

And the scariest part, that the population of it’s monster is 145million. And every last one of them grew up believing in their “great past” and that they have absolutely nothing to reflect on or to be ashamed of. 80 percent of this population would cheer for the continuous murders of Ukrainians, they would call for genocide on the social media under the pictures of dismembered Ukrainian children. And the remaining 20 present, that would consider themselves “liberal”, would make fun of Ukrainians who want to speak Ukrainian language in Ukraine (funny, right? How dare Italians speak Italian in Italy, or Germans speak German in their country?), or who don’t want to have any russians whatsoever in our media space. But they keep on crawling into our safe spaces, trying to whitewash themselves, they keep on coming and trying to “teach us” how to live and how to forgive, because god forbid someone will say something ill of the russians.

So now that we are here, I am, as many other Ukrainian artists, communicating through art, we create that safe space for ourselves and others, showing the rest of the world what our culture is all about and that it is worth your genuine interest. Our Gods are chthonic and ancient but oh so loving, our Ways are infested with blackthorn but we learned to love it and love the scars it gave us, we inhale the smoke from our sacred wheat fields, that are burning because of russian terrorists, and we are filled with love for those fields, love and fury, as we know that we, together with our ancestors, and our Gods will pay back for every spoiled grain, for every murdered Ukrainian.

Our ancient generational fury never had such a power as it has now. And after another page of fires and blood, we will rise again, just like our Gods did.


La magia dei Carpazi ucraini nell’arte di Maria Khymynets

Maria Khymynets è un’artista ucraina nata nella città di Užhorod, sul versante occidentale dei Carpazi. Si occupa di grafica, pittura, xilografia e tecniche di stampa, nonché di illustrazione digitale. Il tema principale della sua arte è il misticismo e la magia carpatico-ucraina, proprio ora che le Antiche Vie e le Antiche Religioni stanno risorgendo.


Sii una guida per noi: raccontaci la tua visione del misticismo e della stregoneria dei Carpazi Ucraini


Crescere nella comunità dei Carpazi significa essere circondati da un sistema di credenze sincretiche profondamente radicate nella vita quotidiana: ogni festa, ogni rito e ogni tradizione ha antiche radici precristiane.

Gli elementi del cristianesimo che, a prima vista, sembrano dominanti, sono semplicemente uno strato sottile che poggia su di un antico nucleo tradizionale pagano; questo perché la chiesa, non riuscendo a liberarsi delle tradizioni popolari, le ha cristianizzate.

Anche le persone che si considerano tra le più credenti e timorate di Dio, alla fine, seguono scrupolosamente ogni passo dell’Antico Rituale ancestrale, soprattutto nei giorni in cui si dice i Morti camminano sulla Terra. Nulla di nuovo, possiamo infatti vedere tutto ciò in molti altri paesi e tradizioni (basti pensare alle radici della Pasqua o del Natale per rendersi conto che hanno ben poco a che fare con Gesù o il Dio abramitico), ma nella spiritualità ucraina, e in particolare quella dei Carpazi-ucraini, gli elementi tradizionali, le divinità e i rituali sono rimasti per lo più sconosciuti ai teologi occidentali, insieme a tutte le persone che ne hanno studiato gli elementi.

Le fonti inglesi sulla religione e le credenze ucraine sono estremamente povere, spesso infilate in un mucchio generico definito paganesimo slavo, oppure inquinate dalle narrazioni imperialiste degli “esperti” russi, che sminuiscono la storia ucraina, se non addirittura la negano, o la spacciano come propria (il che è ironico, dal momento che i russi hanno poco o niente a che fare con le tribù, le tradizioni o le religioni slave). Ci sono molte, e intendo MOLTE, opere di importanti etnografi, folcloristi e storici ucraini su vari argomenti sulla magia, le tradizioni, la demonologia e la mitologia ucraine che non sono mai state tradotte in inglese.

Ora è nostro dovere come giovani seguaci ucraini della nostra Fede Popolare gettare luce sulle nostre pratiche e sulle nostre divinità.

Per capire una strega ucraina o un “Molfar” dei Carpazi (mago dei Carpazi), è importante capire come le loro pratiche si mescolano alla religione. Come accennato in precedenza, le credenze ucraine contemporanee sono sincretiche. Naturalmente, non sarebbe possibile coprire l’intera struttura dell’Antica Religione in un colpo solo, ma propviamo a dare uno sguardo alle principali festività Ucraine senza il velo della nuova religione cristiana. Come in molti paesi, durante il periodo pre-abramico, gli ucraini avevano credenze politeistiche con elementi di animismo, adorazione della natura e culto ancestrale, la maggior parte delle quali è rimasta attiva fino ad oggi. Le festività principali erano basate sul circolo vitale del dio Sole, che è simile al concetto di “Ruota dell’anno” nel paganesimo occidentale New Age.

“Perché proprio il dio del sole e non la dea della Luna o il dio del tuono?” ci si potrebbe chiedere. Beh, senza nulla togliere alle altre divinità, possiamo affermare che grazie al cerchio vitale del dio Sole gli ucraini scandivano il calendario del raccolto. Il dio del Sole aveva molti nomi che cambiavano ciclicamente con il passare dell’anno, dalla sua nascita, all’adolescenza sino all’età adulta e alla morte. Nel calendario solare ci sono quattro festività principali:

Velykden’ di Dazhboh, l’equinozio di primavera, durava un’intera settimana. Questa festa simboleggia l’inizio dell’anno, il momento in cui il dio del Sole è giovane e forte da combattere l’inverno. Man mano che la natura torna in vita, i Morti si risvegliano. E, il giovedì della settimana di Velykden, i morti tornano sulla terra ed è meglio non uscire di casa di notte.

Kupailo, solstizio d’estate, noto anche come le vacanze verdi, è la celebrazione della fertilità, anche questa festeggiata per un’intera settimana. Bisognava stare attenti a camminare in campagna, però, perché gli spiriti dei defunti sarebbero tornati ancora una volta per giocare nei campi.

– L’ultimo raccolto, conosciuta anche come Svitovyd, veniva celebrato durante l’equinozio d’autunno. In questo periodo, le persone rendevano omaggio agli spiriti dei campi e agli antenati per la protezione delle coltivazioni di grano, con sacrifici di miele, pane, latte, grano e frutti. Durante il raccolto, gli ucraini mettono da parte un mazzo di grano per costruire il Didukh, un omaggio agli antenati che si sarebbero uniti alle loro famiglie nelle imminenti celebrazioni invernali.

Kolyada, solstizio d’inverno, è la notte in cui il giovane Sole rinasce. Una delle più grandi celebrazioni dell’anno, in cui gli ucraini invitavano tutti gli spiriti malvagi a unirsi a loro per la festa, dove avrebbero stretto un patto di pace per l’anno seguente. Il Didukh, posto a capotavola, spersonificava gli antenati e veniva bruciato nella notte dell’equinozio di primavera, liberando gli spiriti fino all’anno successivo.

La stregoneria e la magia in Ucraina erano e sono ancora forti e ogni festività è accompagnata da rituali complessi. Partecipare ai riti era comune, ma c’erano persone decisamente più coinvolte e potenti: i Molfars (maghi dei Carpazi), le streghe, i guaritori, i kharakternyks (cosacchi maghi guerrieri) ecc. Mentre la maggior parte della gente restava a casa a festeggiava con la famiglia, i maghi si occupavano il mestiere sacro. Naturalmente, ci sono dozzine di giorni magici nel mezzo, compresi i giorni lunari, la cui conoscenza è cruciale per le pratiche magiche; ma ciò che è importante delle quattro festività menzionate sopra è che il confine tra il nostro mondo e il mondo dei morti scompare. In ogni festa solare, i Morti tornano nel nostro mondo e streghe, molfar, e kharakternyk diventano ancora più potenti, poiché si crede che abbiano due anime, una delle quali appartenente al mondo dei morti.

Nella regione dei Carpazi, quasi ogni città o villaggio ucraino ha una strega ed è normale conoscerne almeno cinque nello stesso minuscolo villaggio di montagna o attorno ad esso. La caccia alle streghe non era praticata sul territorio ucraino, anche perchè perseguitare un mago era considerato pericoloso: bisogna essere sciocchi per inseguire una persona con poteri così potenti! La maggior parte degli abitanti dei villaggi montani è orgogliosa di avere i propri molfar, considerati parte importante della comunità, temuti ma profondamente rispettati. Spesso, molfar e streghe vivevano in luoghi remoti dal villaggio, dall’altra parte del fiume o in alto tra le montagne, ma questo non fermava le persone dal percorrere lunghe distanze per ottenere aiuto e consigli.

Durante l’epoca sovietica centrista russa, con le persecuzioni e il terrore, molte tradizioni rimasero smorzate per qualche tempo. Nei villaggi, i pochi Molfar rimasti stavano invecchiando e non riuscivano a trovare nessun giovane degno a cui tramandare i propri poteri. Solo la regione dei Carpazi riuscì a mantenere più o meno viva la tradizione magica, anche perché era geograficamente più lontana dalla Russia perennemente genocida, ed è stato l’ultimo pezzo di terra ucraina occupato dai soviet. Nel 1994, l’Ucraina si liberò dalla presa sovietica etnofascista russo-centrica e gli ucraini poterono finalmente parlare la propria lingua, trovare negli archivi tutte le informazioni sui cari repressi e assassinati, far risorgere le tradizioni e il folklore. Solo allora le persone riscoprirono gli Antichi riti e gli antichi Dei.

Come giovane artista, cresciuta con queste credenze, la cui nonna e bisnonna sono riuscite a custodire e praticare l’antico Mestiere dei Carpazi, mi sento responsabile di tradurre tutto ciò in arte e testi che raccontano la nostra storia, la magia, l’orgoglio della tradizione, le persecuzioni politiche e la resurrezione finale, dove l’antico Mestiere sarebbe risorge dalle ceneri ancora una volta.

Non è solo l’essenza magica della nostra cultura ad ispirarmi così tanto, ma anche una lunga serie di dolore e di orrori a cui siamo stati sottoposti per 400 anni. La nostra famiglia ha sempre parlato del male che la Russia ci ha portato, è siamo al terzo genocidio in meno di un secolo causato da questo stato terrorista e dal suo popolo genocida. Oggi, ogni giovane ucraino è figlio di una famiglia che è sopravvissuta miracolosamente all’Holodomor (genocidio della carestia) nel 1932-1933; il mio bisnonno era l’unico figlio di 10 anni che non morì di fame. I miei nonni furono deportati nell’estremo oriente russo negli anni Settanta per aver sostenuto la rivoluzione democratica della Primavera di Praga (anni SETTANTA, non Venti o Trenta, fatto assurdo, non solo per il lettore occidentale, ma anche per me); mia madre è cresciuta ial freddo estremo dell’inverno siberiano, dove è quasi morta due volte di infezione polmonare, senza l’assistenza medica per le “persone come loro”. Tutto ciò che sta accadendo ora non è stata una grande sorpresa per nessuno di noi, onestamente, sarebbe persino sorprendente se una generazione di ucraini non fosse segnata dai fascisti russi.

Almeno ora non siamo soli ad affrontare questo mostro imperiale, perché, ora che la cortina di ferro è finita (non per la Russia, però) il mondo intero può vedere ciò che tutti hanno ignorato e placato per così tanto tempo. È un male antico, impunito. Non è mai stato punito per il suo sanguinoso passato imperiale genocida, per i sanguinosi tempi sovietici, per i genocidi e la tirannia stalinista, per le guerre aperte in Georgia, Ichkeria, Siria, Ucraina… E la parte più spaventosa, che la popolazione di questo mostro è pari a 145 milioni. La maggior parte di questa gente è probabilmente cresciuta credendo nel loro“grande passato” e non pensa di avere nulla di cui vergognarsi. L’80 per cento di questa popolazione farebbe il tifo per i continui omicidi di ucraini, invocherebbe il genocidio sui social guardando le immagini di bambini ucraini smembrati. E il restante 20 per cento che si considera “liberali”, sfotte gli ucraini che vogliono parlare la lingua ucraina in Ucraina (divertente, vero? Come osano gli italiani parlare italiano in Italia, o i tedeschi parlare tedesco nel loro paese?) Continuano a strisciare nei nostri spazi sicuri, dissimulando e cercando di “insegnarci” come vivere e come perdonare, perché dio non voglia che qualcuno dica qualcosa di brutto dei russi.

Io, come molti altri artisti ucraini, comunico attraverso l’arte. Insieme creaiamo uno spazio sicuro per noi stessi e per gli altri, mostrando al resto del mondo qual è la nostra cultura che merita un interesse autentico. I nostri dei sono ctoni e antichi, ma amorevoli, le nostre vie sono infestate dal prugnolo ma abbiamo imparato ad amarlo e ad amare le cicatrici che ci ha fatto, inaliamo il fumo dei nostri sacri campi di grano, che stanno bruciando a causa dei terroristi russi, e siamo pieni di amore per quei campi, amore e furia, poiché sappiamo che noi, insieme ai nostri antenati e ai nostri dei, ripagheremo per ogni grano distrutto, per ogni ucraino assassinato.

La nostra antica furia generazionale non ha mai avuto un tale potere come ora. E dopo un’altra pagina di fuoco e sangue, risorgeremo, proprio come fecero i nostri Dei.

Need advice?
Our agony witches are ready to help you!

Hai bisogno di un consiglio?
Scrivi alla nostra posta del cuore stregata…

SHOP ISSUE 04

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s