THE HAUTING OF HILL HOUSE / Shirley Jackson’s book vs Flanagan’s TV series

We tried to compare THE NIGHTMARE OF HILL HOUSE, novel written by Shirley Jackson in 1959, with the TV series, THE HAUTING OF HILL HOUSE (2018), directed by Mike Flanagan.

“I’m sure you’ll take care of us the best way you can, you and your wife,” he said in a matter-of-fact way. “Meanwhile, I can’t wait to be there.”
He grinned unpleasantly. “What did you think, I
ll leave when it gets darker.”

The book opens with Professor Montague, a man of science, deciding to set up an experiment to study the paranormal, using Hill House as subject, given its turbulent past.
He sends invitations to several people who, according to his research, have had to deal with extrasensory events.

Eleanor Vance is one of them, and in the invitation she sees a glimmer of hope to regain control of her life, unhappy until that moment. All the time spent at her mother’s bedside, until that one night, when she stopped hearing the womans screams, and her lifeless body was found the next morning. A moment of liberation at the price of an image that will haunt her forever, along with the sense of guilt for not having woken up sooner.

Together with her, Theodora, a young girl intrigued by the invitation, and Luke Sanderson, grandson of the house owners, will present themselves to the experiment.

Hill House appears like an exuberant, imponent and decadent villa, surrounded by a veranda as a belt and a floor plan arranged in concentric circles.

“It had an incredibly disharmonious construction, which gave all its features something wrong, something sinister, so much that in one direction the walls always seemed a little longer than the eye was able to handle, and in another a little shorter than the tolerable length”.

There is a lot unsaid in this novel, to the point that I had to check if I had skipped a few pages … I was left with many doubts in my mind, dialogues for example. They outline the transformation of the characters, the influence that the house has on them, and they appeared boring until the entrance of Mrs. Montague. Unlike her husband, she really believes in ghosts and is convinced that Eleanor is a liability in the connection process. These events will lead the woman to lose what little sense of reality she had left.

From this point on it seemed to me that the story comes to life, Hill House awakens, until the conclusión, which I found a bit hasty.

I did some research and found that I wasn’t the only one who had these feeling at the end of the reading. This is because I have misinterpreted the key of the reading: I expected twists, disturbing apparitions, but instead, it is a psychological horror with the power to maintain a constant anxiety in the reader thanks to the sinister presence of Hill House.

This Shirley Jackson novel had two film adaptations: one in ’63 and the other in ’99, but it’s the television series that I’d like to focus on. The decision to keep the original title – in the two films it had been modified in The Invaders and Presences – but The Haunting of Hill House, it has its charm.

The house is haunted and has a strong influence on the people who inhabit it.
In the book the genre recognised is psychological horror, while the TV series the horror becomes dramatic, dark, raw.

As a lover of the genre, I loved these ten episodes. It felth like a dip in the past, when I’d rent a different horror movie every summer night, and then I wouldnt sleep out of restlessness.
I continued to watch films of this kind but the years passed, and that that sense of anxiety followed by the explosion of sudden fear faded, and then disappeared.

The haunting of Hill house woke up those feelings, and let’s face it, those who love the genre want to feel those feelings they crave it, and the recently produced movies has proposed a massive dose of anxiety just to make it fade without a sense.

In the TV series Eleanor, Theodora, Luke and Professor Montague have been replaced by the Crain family, mother, father and five children (I appreciated the choice of using the original names). The parents work both as house renovators and sellers; so this is how they come across Hill house, on a warm summer.

Several years later, the death by suicide of one of the twins, Nell, reopens Pandora’s box at Hill House. Flashbacks are used to explain the characters psyche, their traumas and their actions, otherwise incomprensible, and to explain the real backstory of the haunted house. Playing with two different timelines, there is also the presence of children in this horror setting -which could make the skin cringe -, and the same grown up children who try to create a life for themselves or defeat their own ghosts. If you add a few paranormal details here and there, you get the perfect horror movie mix.

Their vulnerabilities, their bond as family, brothers, sisters and twins, unexpected courage, strength and discouragement are masterfully told, all to allow the viewer to identifiy himself in each of them, absorbing the terror in their history.
The conclusion fits perfectly with the whole story, and it has the power to keep you attached and with suspended breath from the first to the last episode.

Who is the lady with the broken neck? Who is the little girl that little Luke keeps running into, near the villa? What role do the Dudleys play?

Perhaps that dissatisfaction I felt in the book was just the lack of fear that on the other side, pervaded the tv serie all along. It had been a long time since I stood in front of the TV off, waiting for my boyfriend or my sister before starting the screen. Sitting next to me already thrilled, with a hand on my mouth, as to block out a possible scream of fear and a tight pillow pressed on my chest, knowing something creepy is coming.

ARTICLE by Ilaria Villa, author of "Gothic Legend" saga. 
ENGLISH TRANSLATION by Selene Ghiglieri

Proviamo a comparare L’INCUBO DI HILL HOUSE, il libro scritto da Shirley Jackson nel 1959, con la Serie Tv THE HAUTING OF HILL HOUSE, diretta dal regista Mike Flanagan.


«Sono sicura che vi prenderete cura di noi come meglio non si potrebbe, lei e sua moglie» disse, mettendo un tono conclusivo nella voce. «Nel frattempo, non vedo l’ora di arrivare». Lui ghignò sgradevolmente. «Ma cosa crede, io quando fa buio me la batto».

Il libro si apre con il professor Montague, uomo di scienza che decide di mettere in piedi un esperimento per studiare il paranormale, proprio all’interno di Hill House, visto il passato turbolento dell’abitazione. Spedisce inviti a diverse persone che, secondo le sue ricerche, hanno avuto a che fare con eventi extrasensoriali.

Eleanor Vance è una di queste e nell’invito vede uno spiraglio di speranza per poter riacquistare il controllo della sua vita, infelice fino a quel momento. Tutto il tempo trascorso al capezzale della madre ammalata, fino a quella notte in cui non sentì le urla della donna che la chiamava e il suo cadavere fu rinvenuto la mattina dopo. Un istante di liberazione al prezzo di un’immagine che la perseguiterà per sempre, insieme al senso di colpa per non essersi svegliata. Assieme a lei si presenteranno all’esperimento Theodora, giovane ragazza incuriosita da quell’invito e Luke Sanderson, nipote dei proprietari della casa.

Hill House si presenta come una villa esuberante, imponente e senza speranza, circondata da una veranda che la cinge stretta come una cintura e una planimetria disposta a cerchi concentrici.

“Aveva una pianta incredibilmente disarmonica, che dava a tutte le sue proporzioni qualcosa di sbagliato, di agghiacciante, tanto che in una direzione le pareti sembravano sempre un po’ più lunghe di quanto l’occhio fosse in grado sopportare, e in un’altra un po’ più corte della minima lunghezza tollerabile”.

C’è molto non detto in questo romanzo, tanto da controllare a fine capitolo se avessi saltato qualche pagina… questo mi ha lasciato molti dubbi in testa, come i dialoghi. Da questi si delinea la trasformazione dei personaggi, l’influenza che la casa ha su di loro, e mi sono apparsi noiosi fino all’ingresso di Mrs. Montague. A differenza del marito lei crede davvero nei fantasmi ed è convinta che Eleanor sia motivo di disturbo nel connettersi con loro. Questi avvenimenti porteranno la ragazza a perdere quel poco di senno che le era rimasto.

Da questo punto in poi mi è sembrato che la storia prenda vita, Hill House si risveglia, fino alla conclusione -a mio parere- un po’ frettolosa.

Ho fatto delle ricerche e ho scoperto che non ero la sola ad aver avuto queste sensazioni a fine lettura. Il motivo è l’aver sbagliato la chiave di lettura: mi aspettavo colpi di scena, apparizioni inquietanti, invece si tratta di un horror psicologico con il potere di mantenere un’ansia costante nel lettore grazie anche alla presenza sinistra di Hill House.

Questo romanzo di Shirley Jackson ha avuto due adattamenti cinematografici nel ’63 e nel ’99, ma è sulla serie televisiva del 2018 che vorrei soffermarmi. La decisione di mantenere il titolo originale -in precedenza, per i due film era stato storpiato ne Gli invasati e Presenze-, The haunting of Hill house, ha un suo perché. La casa è infestata e ha una forte influenza sulle persone che la abitano.

Se nel libro il genere trattato è horror psicologico, nella serie tv l’horror diventa drammatico, cupo, crudo.

Da amante del genere ho adorato queste dieci puntate. Mi è sembrato di fare un tuffo nel passato quando, in estate, noleggiavo ogni sera un film dell’orrore diverso per poi non riuscire a dormire la notte, tanta era l’inquietudine che avevo addosso. Ho continuato a guardare film di questo genere ma più passavano gli anni, più quel senso di ansia seguito dall’esplosione in grida soffocate con la mano davanti alla bocca, si è affievolito, per poi scomparire.

Con The haunting of Hill house ho riprovato quelle sensazioni che, diciamocelo, chi ama il genere le vuole provare e ricerca; e ultimamente i film proponevano una massiccia dose di ansia per poi scemare senza un senso.

In questa serie tv Eleanor, Theodora, Luke e il professor Montague sono stati sostituiti dalla famiglia Crain, madre, padre e i cinque figli (ho molto apprezzato la scelta di utilizzare i nomi presenti nel romanzo). Il lavoro dei genitori è acquistare case per poi restaurarle e rivenderle; ecco come si imbatteranno, durante una spensierata estate, in Hill house.

Diversi anni più tardi, la morte della gemella Nell, che decide di suicidarsi proprio a Hill house, riapre il vaso di Pandora. Per motivare la psiche dei personaggi, i loro traumi e azioni -altrimenti incompressibili-, sono stati utilizzati flashback, che raccontato cosa è successo in quella dannata casa. Giocando con due diverse linee temporali, c’è anche l’utilizzo di bambini in una ambientazione horror -cosa che, se fatta bene, fa accapponare la pelle-, e gli stessi bambini cresciuti che cercano di crearsi una vita o sconfiggere i propri fantasmi. Mettici dei sentori paranormali e il gioco è fatto.

La fragilità di tutti loro, il loro legame in quanto famiglia, fratelli, sorelle e gemelli, il coraggio inaspettato, la forza e lo sconforto sono raccontati magistralmente, tanto da far si che lo spettatore si personifichi in ognuno di loro, assorbendo anche il terrore delle loro storie. La conclusione perfettamente coerente con l’intera storia che ha il potere di tenerti attaccato e con il fiato sospeso dalla prima all’ultima puntata.

Chi è la signora con il collo spezzato? Chi è la bambina che continua a incontrare il piccolo Luke nei pressi della villa? Che ruolo hanno i coniugi Dudley? Forse quell’insoddisfazione provata nel libro è stata la mancanza di paura che invece nella serie tv ha fatto da padrona.

Era da tanto che non mi mettevo davanti alla tv spenta, aspettando il mio ragazzo o mia sorella prima di accedere. Sedermi accanto già elettrizzata, con una mano sulla bocca per bloccare un eventuale urlo di paura e un cuscino stretto al petto per la consapevolezza che qualcosa di inquietante sta per arrivare.
ARTICOLO di Ilaria Villa, scrittrice, ghostwriter ed editor, autrice della saga "Gothic Legend".
I suoi libri sono disponibili in qualsiasi piattaforma online e ordinabile in qualsiasi libreria.
IG:@villa_ilaria

PH: From the Web

Loading……
Yeah!You're a dreamer now!